Click here to visit our sponsor
Cerca in rete:

 
 
I tuoi diritti di cittadino
Archivio


IMMIGRATI E LAVORO - "Maternità, la tutela è estesa alla collaboratrice domestica". - July 31, 2001 Consulta l'archivio

La figura del lavoratore domestico, nel tempo,sta acquisendo sempre più le caratteristiche del lavoratore subordinato ordinario anche sotto il profilo delle tutele riservate ai lavoratori.
L'astensione delle neomamme. Più specificamente, con il decreto 26 marzo 2001 recante il Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità (che riassume e ordina la disciplina della legge 53/2000), è stata estesa alla lavoratrice domestica la tutela prevista per le lavoratrici madri in materia di astensione obbligatoria e facoltativa nel periodo di gravidanza e puerperio e in materia di divieto di licenziamento durante lo stesso periodo. L'estensione trova riscontro anche nel contratto collettivo nazionale di lavoro dei domestici recentemente rinnovato.
Tredicesima e ferie. Agli stessi lavoratori era, comunque, già applicabile la disciplina relativa alla gratifica natalizia, pari a una mensilità. Per i lavoratori pagati a ore, la tredicesima corrisponde alla retribuzione mensile media, determinata dividendo per 12 la somma delle retribuzioni erogate nell'anno.
Al lavoratore a tempo pieno è riconosciuto il riposo settimanale pari a 36 ore e un permesso di mezza giornata in occasione delle festività nazionali cadenti in giorno feriale.
Il collaboratore domestico ha diritto alle ferie e non possono computarsi come ferie il periodo di preavviso, i giorni di malattia e il congedo matrimoniale.
Il mancato godimento delle ferie entro il termine previsto dal contratto collettivo nazionale di lavoro o, in assenza, entro il termine previsto dalla convenzione Oil n. 132 del 1970, che non sia sostituito dalla corresponsione di un'indennità, potrebbe essere considerato un illecito arricchimento del datore di lavoro.
Le assicurazioni. I lavoratori addetti ai servizi domestici e familiari, che prestano lavoro subordinato presso uno o più datori di lavoro, sono soggetti, qualunque sia la durata delle prestazioni svolte, alle seguenti forme previdenziali:
- assicuraziine per l'invalidità, la vecchiaia e i superstiti;
- assicurazione per la tubercolosi;
- assicurazione per la disoccupazione involontaria;
- assegni famifliari;
- assicurazione per la maternità;
- assicurazione per le malattie, comprendente anche i familiari a carico;
- assicurazione per gli infortuni sul lavoro.

...
.: HelpCitizensWorld :.
Powered by Tecnomind